italia_europea_nuovo

Chi siamo

Italia Europea è un'associazione politica, che vuole promuovere in Italia i valori della società aperta, del libero mercato, dello stato di diritto, delle libertà civili e della responsabilità individuale. In una parola, che vuole rendere l’Italia più “europea”.

Vogliamo animare e sostenere una rete di persone, associazioni e campagne politico-culturali capaci di fare della “europeizzazione” dell’Italia la chiave per il rilancio di un Paese che, quanto più si allontana dai modelli europei, tanto più retrocede su tutti i principali indicatori economici, civili e politici, diventando sempre più povero e meno efficiente, più immobile e meno accogliente, più chiuso e meno dinamico.

Ci opponiamo all’idea, di fatto propugnata in termini analoghi sia dai populisti “di sinistra” che dai sovranisti “di destra”, che la soluzione ai problemi dell’Italia passi dal rigetto dell’integrazione economica e politica dell’Ue, delle regole del mercato comune, del rigore nei conti pubblici e dei principi di diritto e di libertà della costruzione europea.

diego-ph-fIq0tET6llw-unsplash-2

Cosa facciamo

Sosteniamo i principi dell’Unione europea, non solo come valori politici, ma come opportunità per l’Italia. La libera circolazione di persone, merci, servizi e capitali; l’indipendenza della BCE e le politiche di stabilità finanziaria; la concorrenza economica e l’equità sociale; la garanzia dei diritti indisponibili e della dignità della persona umana.

Promuoviamo l’innovazione politica, economica, tecnologica e culturale come strumento di crescita civile e di emancipazione e integrazione sociale e come mezzo per diffondere una comune cittadinanza europea, fondata sui principi dell’uguaglianza dei diritti, dei doveri e delle opportunità.

Crediamo nella necessità di consolidare il patto sociale liberale, che è il fondamento della costruzione dell’Ue, e quindi in Italia promuoviamo la formazione di una forza politica liberaldemocratica e europeista. Il declino dell’Italia ha coinciso con l’allontanamento dall’Europa. Quest’ultimo con l’assenza di una forza politica capace di rappresentare in modo significativo e autonomo il programma di un’Italia europea.

Ci basta poco per fare molto.

Per associazioni come la nostra anche il più piccolo contributo può fare la differenza.

News e articoli

vai all'archivio »

Non è il blocco dei licenziamenti a difendere il lavoro di domani

di Antonio Santoro – I licenziamenti decisi negli ultimi giorni da alcune imprese per “chiusura attività”, che secondo i sindacati riguardano circa 1500 persone in diverse aree del nostro Paese, aprono una ferita rilevante dal punto di vista sociale. La premessa è che in questa fase occorre continuare a sostenere chi ha perso il lavoro,…

Leggi tutto »

L’idea dell’Assemblea nazionale per superare il bicameralismo sfregiato

di Piercamillo Falasca – Una riforma costituzionale è possibile in questa legislatura? Dovrebbe essere necessaria, considerata prioritaria, e invece il tema anima solo il dibattito culturale ed è completamente eluso dalle segreterie dei principali partiti. Dopo l’approssimativo taglio del numero dei parlamentari, da 945 a 600 a partire dalla prossima legislatura, appare ancora più “plastica”…

Leggi tutto »

L’Agenda Draghi e il partito che non c’è. O del perché non possiamo affidare le riforme ai bipopulisti

di Alessandra Senatore, da Linkiesta.it – Non si può pensare che l’accountability della nostra classe dirigente possa discendere soltanto (e per lungo tempo) dall’autorevolezza dell’attuale premier. Bisogna quindi ridare capacità di rappresentanza alla politica. Andando oltre vaghi appelli, più o meno inclusivi, all’unità Sull’Agenda Draghi e sulle priorità date dai pilastri del Pnrr, oltre che…

Leggi tutto »

Insieme siamo più forti!

Se vuoi darci una mano contattaci su Messenger.