Blog

Pensioni: dopo quota 100, meglio quota 0 (zero)

20 Ottobre 2021 /

– di Mattia Di Berti e Ariela Briscuso – La posizione del Governo su quota 100 è molto meno “generosa”, cioè lassista, di quella dei sindacati o dei partiti, che chiedevano di rinnovare la misura o di sostituirla con altre opzioni, tutte destinate a costare decine di miliardi nei prossimi decenni. Nello stesso tempo, la…

Leggi tutto »

La nuova Unione? No, grazie

19 Ottobre 2021 /

– di Carmelo Palma – Come era previsto, il PD, dopo il successo elettorale dei suoi sindaci, rilancia l’idea di una coalizione ampia, che vada dall’estrema sinistra all’estremo centro all’estremo niente, cioè da Vendola a Calenda, passando per Conte. Una riedizione dell’Unione da Turigliatto a Mastella, con due differenze non piccole a renderla ancora più…

Leggi tutto »

The State of the Union: Von der Leyen rilancia l’UE

15 Settembre 2021 /

di Francesca Mercanti – “Se rifletto sull’anno passato e sullo Stato dell’Unione vedo una forte anima in tutto quello che facciamo (……)”Nella principale crisi sanitaria mondiale ci siamo uniti per garantire a tutti gli angoli d’Europa di avere dei vaccini salvavita e abbiamo proceduto con Next generation Eu e con il Green deal. Abbiamo agito…

Leggi tutto »

La lezione afghana. Senza una “Europa della sicurezza”, a rischio la sicurezza dell’Europa

20 Agosto 2021 /

di Carmelo Palma – La discussione sulle “colpe americane” rispetto al fallimento della missione afghana occulta due dati evidenti, ma negati e rimossi. Il primo è che gli effetti interni e internazionali della presa del potere talebano a Kabul hanno come causa non l’intervento del 2001, ma il ritiro del 2021, considerato inevitabile da tutti…

Leggi tutto »

Taverna sullo ius soli dice no. Il gioco delle parti sui diritti tra PD e M5S

11 Agosto 2021 /

di Carmelo Palma – Per corrispondere lo sdilinquimento di Letta per l’elezione di Conte a capo politico, Paola Taverna ha sotterrato in una intervista a Repubblica lo ius soli, appena riproposto dal PD come obiettivo di legislatura. Confermando due cose chiare: che sui veri diritti il M5S è sempre contro; e che al PD di…

Leggi tutto »

Contro i giovani. È finita quota 100, ma sulle pensioni riparte l’assalto alla diligenza

29 Luglio 2021 /

Di Carmelo Palma – Quota 100 andrà a scadenza alla fine di quest’anno, dopo avere dato per un triennio un contributo all’aumento della spesa previdenziale, che ha raggiunto nel 2020 il 17% del Pil (il dato più alto d’Europa, insieme a quello della Grecia). Visto che le eccezioni alla disciplina previdenziale ordinaria suscitano aspettative di…

Leggi tutto »

Le critiche sbagliate di Gratteri al ddl Cartabia

22 Luglio 2021 /

di Marco Campione – Porto il massimo rispetto per il lavoro di Nicola Gratteri. Ho parlato con lui in un paio di occasioni e mi ha dato l’impressione di essere un professionista appassionato, competente e sinceramente convinto di essere nel giusto. Sul fatto che rischi la propria vita per fare tutto questo non ho il…

Leggi tutto »

Non è il blocco dei licenziamenti a difendere il lavoro di domani

22 Luglio 2021 /

di Antonio Santoro – I licenziamenti decisi negli ultimi giorni da alcune imprese per “chiusura attività”, che secondo i sindacati riguardano circa 1500 persone in diverse aree del nostro Paese, aprono una ferita rilevante dal punto di vista sociale. La premessa è che in questa fase occorre continuare a sostenere chi ha perso il lavoro,…

Leggi tutto »

L’idea dell’Assemblea nazionale per superare il bicameralismo sfregiato

19 Luglio 2021 /

di Piercamillo Falasca – Una riforma costituzionale è possibile in questa legislatura? Dovrebbe essere necessaria, considerata prioritaria, e invece il tema anima solo il dibattito culturale ed è completamente eluso dalle segreterie dei principali partiti. Dopo l’approssimativo taglio del numero dei parlamentari, da 945 a 600 a partire dalla prossima legislatura, appare ancora più “plastica”…

Leggi tutto »

L’Agenda Draghi e il partito che non c’è. O del perché non possiamo affidare le riforme ai bipopulisti

19 Luglio 2021 /

di Alessandra Senatore, da Linkiesta.it – Non si può pensare che l’accountability della nostra classe dirigente possa discendere soltanto (e per lungo tempo) dall’autorevolezza dell’attuale premier. Bisogna quindi ridare capacità di rappresentanza alla politica. Andando oltre vaghi appelli, più o meno inclusivi, all’unità Sull’Agenda Draghi e sulle priorità date dai pilastri del Pnrr, oltre che…

Leggi tutto »